Società

La società, nata come Associazione Latte Dolce nel 1971 grazie all’idea e volontà di un gruppo di amici che facevano parte del Comitato di Quartiere, partecipa sin da subito ai campionati giovanili organizzati dal Csi. L’obiettivo era offrire ai ragazzi del popoloso quartiere della città di Sassari un’opportunità di divertirsi, di fare sport, di imparare il calcio. Il quartiere di Latte Dolce, vivo e difficile, trova proprio nello sport un comune denominatore che rafforza l’idea di comunità. Una scuola di sport, e di vita.

Nel 1973, con l’arrivo dei salesiani nel quartiere, l’Associazione si trasforma e diventa polisportiva, più precisamente la Polisportiva Giovanile Salesiani Madonna di Latte Dolce. Si gioca a pallacanestro, maschile e femminile, si gioca a tennistavolo e a pallavolo, arriva anche la prima affiliazione alla Figc. Il Latte Dolce disputa il campionato di Terza categoria, partecipa anche a quelli Juniores, Allievi e Giovanissimi, e organizza tornei interni riservati ai più piccoli, vedi Pgs.

La prima promozione arriva nel 1980-’81: il Latte Dolce si ritrova in Seconda categoria. L’allenatore di allora era Duilio Pinna. La squadra resterà per sette anni in seconda. Diverse volte il team fu costretto ad abbandonare il suo campo di casa, a Latte Dolce, perché non risultava idoneo all’omologazione per la categoria. Alla fine però arrivava sempre il lieto fine, e i ragazzi del quartiere, la squadra del quartiere, tornavano a giocare davanti alla loro gente, sulla terra battuta del campo amico. Del campo di casa.

Quando si interrompe la collaborazione con i salesiani, la denominazione della società cambia in Associazione Latte Dolce calcio. Nel 1987-’88, a Bancali sul campo di Modesto Sotgiu, i biancocelesti conquistano la promozione in Prima categoria, e la scalata continua. Tre anni dopo, finalmente, si torna a giocare nel quartiere, in via Cilea, sul campo comunale che viene dato in gestione alla società. L’aria di casa fa bene al team che con Tore Arca alla guida, in seguito allo spareggio contro l’Ardara giocato a Valledoria, conquista il pass per il campionato di Promozione regionale.

Il viaggio lungo i tornanti della Promozione dura quattro stagioni. Il Latte Dolce continua a crescere, a valorizzare la sua risorsa principale, i giovani del quartiere, giovani calciatori sassaresi che fanno la fortuna del movimento e testimoniano la bontà del progetto. Così dopo quattro anni, nel 2000-’01, è Eccellenza: la squadra ha un’età media bassissima ed è composta interamente da elementi cresciuti nel Settore Giovanile biancoceleste. L’esperienza è positiva, intensa ma breve: nel 2003 il Latte Dolce retrocede in Promozione.

I cicli della storia, nella vita come nel calcio, portano a repentini mutamenti delle cose e delle situazioni. La società passa alla famiglia Montalbano e nel 2005-’06 con Rosario Affuso in panchina, il quartiere festeggia ancora una volta una promozione, ancora una volta in Eccellenza.

Il 2006-’07 è l’anno dell’ingresso di Antonello Lorenzoni in società. La scelta della dirigenza è quella di portare il Latte Dolce a giocare lontano dalla sua dimensione: il campo “di casa” è quello di Sorso, in erba. Alla fine di quella stagione la squadra retrocede dopo un campionato particolarmente complesso e difficile.

È allora che scende in campo l’attuale dirigenza del Latte Dolce: rilevata la società, presa in mano la situazione, rinsalda e ravviva la filosofia biancoceleste legata all’importanza della valorizzazione delle risorse locali. Allora il presidente era Alessio Marras. Il team torna in via Cilea, lavora con passione ma senza pressioni e alla fine, dopo cinque anni di attesa, con mister Scotto al timone, torna in Eccellenza (2011-’12).

Si capisce che il filone è quello buono. I giovani del vivaio sono la molla che lancia la società verso la sfida più difficile e importante. L’impronta a forti tinte sassaresi poggia su un forte senso di identità e appartenenza al quartiere e alla città. Il Latte Dolce non è solo una squadra di calcio, incarna l’opportunità, è fonte di passione e aggregazione, un progetto sportivo che guarda al sociale, che si interseca con il sociale e lo permea, totalmente.

Dopo un solo anno il piccolo grande sogno si materializza. La gioia esplode per le strade e le piazze di Latte Dolce. In campo i biancocelsti compiono l’impresa, e passando dagli spareggi per la prima volta nella storia del club approdano all’interregionale, alla serie D. L’esperienza nella quarta serie italiana dura purtroppo solo una stagione: la squadra disputa un campionato più che dignitoso e alla fine retrocede ingiustamente, fra gli applausi, ma con grande amarezza. È questa la fine dell’era Scotto. Sulla panchina arriva Massimiliano Paba, e si riparte, ancora una volta con lo stesso entusiasmo.

Al primo colpo il Latte Dolce centra subito i playoff, ma in finale è sconfitta e la serie D, così vicina, sfuma invece lontana all’orizzonte. Nel 2015-’16 però il Latte Dolce non ha rivali, il dominio sulle avversarie è assoluto, la promozione il giusto epilogo di una stagione fantastic, la Coppa Disciplina la ciliegina sulla torta e la serie D l’impegno all’impegno dei giocatori, dello staff tecnico, della dirigenza e dell’appassionata tifoseria lattedolcina.

Il presente è un nuovo campionato di Interregionale, il secondo nella storia del club capitanato dal presidente Roberto Fresu. Il Latte Dolce guarda al futuro, punta sul suo vivaio, costruisce una squadra made in Sassari – salvo alcune piccole eccezioni riguardanti giocatori provenienti dal vicino hinterland –  e si propone in una accattivante veste 2.0 a km zero.

 

Fiore all’occhiello del team, oltre che vero e funzionale fulcro del progetto biancoceleste, è il Settore Giovanile, uno dei più floridi e attrezzati vivaio dell’Isola e della penisola, più volte ai vertici dei campionati regionali e palestra che ha regalato all’Isola e alla penisola alcuni prospetti di indubbio valore. Fra i successi delle giovanili del Latte Dolce sono da ricordare:

 

  • 1998-’99 campionato Allievi (classe ’82) e Giovanissimi (classe ’84), Coppa Disciplina
  • 2003-’04 campionato Allievi (classe ’87), Coppa Disciplina
  • 2006-’07 campionato Giovanissimi (classe ’92)
  • 2009-’10 campionato Giovanissimi (classe ’95), Coppa Disciplina
  • 2012-’13 campionato Allievi (classe ’96)
  • 2013-’14 campionato Allievi (classe ’97) e Giovanissimi (classe ’99)
  • 2014-’15 campionato Allievi (classe ’98) e Giovanissimi (classe ’00)
  • 2015-’16 campionato Allievi (classe ’99)

 

Importanti anche i traguardi tagliati dalla formazione Juniores:

 

  • 2013-’14 Campione regionale di categoria
  • 2014-’15 Seconda classificata
  • 2015-’16 Seconda classificata

Strutture sportive
Lo Stadio della ASD Latte Dolce Calcio è composto da due campi regolamentari di cui uno in sintetico, illuminazione e spalti.
Lo Stadio è facilmente raggiungibile tramite la SS 131, all’uscita per Latte Dolce e dalla Buddi Buddi al primo semaforo di Sassari.

Sede legale 
Via Leoncavallo n°6 – 07100 Sassari (Sassari)

Segreteria
Via Leoncavallo n°5 – 07100 Sassari  (Sassari)
tel/fax 079 4920318
info@lattedolcecalcio.it

Orario segreteria
Dal lunedì al venerdì dalle ore 15:30 alle ore 19:00

Numeri utili
Adriano Fantoni – Direttore Sportivo – 336 812052
Marino Vasselli – Segretario – 347 6205542
Redazione e addetto stampa

redazione@lattedolcecalcio.it