QUATTRO CHIACCHIERE CON PAOLO TUCCIO

paolo-tuccio-foto-di-alessandro-sanna

 Campionato di serie D, girone G: domani la trasferta a Ladispoli

 QUATTRO CHIACCHIERE CON PAOLO TUCCIO

«La continuità delle prestazioni? Fa bene al team, al gruppo e anche al progetto. Sotto con il Ladispoli»

Sassari, 19 ottobre 2019

Il Sassari calcio Latte Dolce, attuale capolista del girone G di serie D, si appresta ad affrontare un insidioso testacoda. Domani alle ore 15 i biancocelesti di mister Stefano Udassi affronteranno in trasferta il Ladispoli, fanalino di coda di un campionato che è però solo all’inizio. Giusto gioire dei risultati ottenuti, giusto non considerare già venduta la pelle di un orso ancora vivo ed arrabbiato, necessario giocare a testa alta senza mai abbassare il livello di attenzione. Il Sassari calcio Latte Dolce ha più volte dimostrato di poter essere cinico e calcisticamente spietato, Ladispoli sarà l’occasione per offrire una ulteriore prova di maturità e dare continuità ad un percorso appena iniziato ma già particolarmente interessante.

paolo-tuccio-in-azione-foto-di-alessandro-sanna

Palla a Paolo Tuccio, difensore del Sassari calcio Latte Dolce: «Con l’Aprilia abbiamo messo in campo un’ottima prestazione, credo che nello specifico abbia fatto la differenza la nostra solita voglia di fare bene unita alla consapevolezza della nostra forza e di quella dell’avversario di turno. Abbiamo cercato di sbagliare il meno possibile interpretando al meglio la gara provando con successo a far loro male nelle ripartenze. A inizio settimana ci siamo subito detti che fa piacere essere lassù, ma sappiamo benissimo di essere solo ad ottobre: non pensiamo ai numeri, dobbiamo continuare lungo questa strada e cercare di sbagliare il meno possibile. Ripeto, senza mai pensare ai risultati come una necessità assillante ma tentando di migliorare in ogni allenamento, affrontando ogni partita con la giusta determinazione e con la consapevolezza che siamo una grande squadra. La continuità delle prestazioni? Fa bene al team e al gruppo e anche al progetto, perché ti rende consapevole dei tuoi mezzi e ti fa capire che stai lavorando nel modo giusto. In ogni caso, il campionato è molto livellato e bisogna affrontare ogni squadra allo stesso modo senza pensare a posizioni in classifica, blasone, ambizioni casa o trasferta. Credo che ci siano 4-5 formazioni che possono puntare alla vittoria del campionato. Il mio percorso biancoceleste? La mia seconda stagione procede nei migliori dei modi, sto giocando con continuità e sono contento della fiducia che hanno sia il mister che i miei compagni ripongono in me. Provo sempre di dare il massimo, in ogni cosa che faccio, e ho la fortuna di avere dei compagni che mi aiutano sia in campo che fuori. La partita di Ladispoli? Può essere molto insidiosa, non bisogna prenderla sottogamba. Il Ladispoli anche se ultimo farà la sua gara e vorrà metterci in difficoltà. Bisogna affrontarla nei migliori dei modi , senza pause di concentrazione con cattiveria agonistica sin dal primo minuto e a guardia alta.. cercando di portare a casa i tre punti».