CONFERMATO MARCO CABECCIA

marco-cabeccia-foto-di-alessandro-sanna

MARCO CABECCIA, IL CAPITANO:

SEI STATO CONFERMATO!

«Siamo consapevoli di aver fatto qualcosa di straordinario ma  fa già parte del passato»

Sassari, 22 giugno 2019 

Il capitano coraggioso, Marco Cabeccia, non soltanto non ha mai abbandonato la nave in queste sue due stagioni passate al Sassari calcio Latte Dolce ma l’ha condotta in porto assieme ad un equipaggio di pari nel tormentato mare dei playoff, arrivando sino al traguardo rappresentato dalla prima storica finale disputata in serie D dal club biancoceleste. Difensore, nato a Sassari il 25 maggio del 1987, è la quinta pedina dello scacchiere biancoceleste 2019-’20. Stay tuned..

Marco Cabeccia, difensore del Sassari calcio Latte Dolce: «Ovviamente sono molto felice di poter proseguire il mio percorso, per il terzo anno di fila, in questa realtà. È bastata una chiacchierata di pochi minuti, guardandoci negli occhi con i dirigenti, per decidere di andare avanti insieme, anche in futuro. Per me far parte di questa famiglia è un onore e sono veramente felice e soprattutto orgoglioso di aver sposato questo progetto, qualche anno fa, quando le cose erano ben diverse e in molti all’esterno storcevano il naso. Ho pesato la qualità delle persone, la serietà e le prospettive, la voglia di far bene anche in ambito sportivo. La sintonia tra la vecchia guardia, Gianni Sanna, Adriano Fantoni, Alessio Marras, il presidente Roberto Fresu e la freschezza e lungimiranza di Pierluigi Pinna, Andrea Maddau e Gianluca Manca rappresentano l’arma non convenzionale di questa società. Il lavoro di mister Stefano Udassi e del suo staff tecnico, l’apporto fondamentale di Alessandro Gadau, dello staff medico e di tutte le altre persone che lavorano nell’ombra come Lello Mela, Giovanni Dessole, Marino Vasselli, Franco Manos e il mitico Bruno Pala ad esempio, sono la nostra arma in più. Ecco, posso dire che i veri top player sono loro, che mettono noi giocatori nelle condizioni per poterci esprimere al meglio. La scorsa stagione mi lascia sicuramente un bellissimo ricordo. Siamo consapevoli di aver fatto qualcosa di straordinario andando oltre le migliori aspettative, ma ormai fa già parte del passato. Sono felice di potermi godere un po’ di vacanze, ma allo stesso tempo non vedo l’ora di ricominciare, perché nello sport ripetersi è doppiamente difficile e per questo bisognerà lavorare ancora più duro con umiltà e voglia di sacrificio, come abbiamo sempre fatto: piedi ben piantati a terra e si andrà a dare battaglia su ogni campo. E sono felicissimo che si stia programmando, a partire da molti dei miei compagni delle ultime stagioni, che sul campo si sono meritati la riconferma. Da parte mia cercherò come sempre di mettermi a disposizione di tutti dando il massimo ogni giorno. Mi auguro, infine, che l’anno prossimo tutte le squadre sarde  possano prendersi delle belle soddisfazioni».