gigi-scanu-foto-di-alessandro-sanna

Sassari Latte Dolce, verso l’ultima di campionato

 QUATTRO CHIACCHIERE CON GIGI SCANU 

«Siamo un gruppo che non è abituato ad accontentarsi, così sarà contro il Trastevere»

Sassari, 03 maggio 2019

Il Sassari calcio Latte Dolce ha tante certezze. La prima è il quarto posto in classifica, alle spalle di Trastevere, Avellino e Lanusei. La seconda è la partecipazione ai playoff, la prima nella storia del club biancoceleste. La terza riguarda il nome dell’avversario post season, il Trastevere. La quarta, più che una semplice certezza è la piena consapevolezza di quanto è stato fatto e di quel che si vuole e si può ancora fare per rendere indimenticabile una stagione da incorniciare. Nè proclami né stress, solo voglia di giocare a calcio.

La sfida playoff al Trastevere è l’immediato futuro. Il recente passato è il pareggio interno con l’Ostiamare (1-1), formazione che ha giocato al massimo con il coltelo fra i denti per tentare di conquistare il pass salvezza. Il presente è la settimana di lavoro sul campo, che precede l’ultima ininfluente giornata di campionato. Ininfluente sui numeri da classifica e le posizioni in griglia post season, ma di grande importanza per altri aspetti. L’ultima giornata anticiperà infatti proprio la sfida playoff: il Sassari calcio Latte Dolce giocherà a Roma contro il Trastevere, occasione per confrontarsi, per studiare, per capire l’avversario e calibrare di conseguenza l’assalto playoff. 

scanu-foto-di-alessandro-sanna

Ad una sola giornata dalla fine della stagione regolare, con #almeno2pagineancoradascrivere in questo campionato di serie D (girone G), tocca al talentuoso Gigi Scanu, al suo secondo anno in maglia biancoceleste, il compito di fare il punto della situazione nella settimana di allenamento post pari interno con l’Ostiamare e in vista del prossimo impegno di campionato, domenica in trasferta alle ore 16,30 sul campo del  Trastevere:

gigi-scanu-in-azione-foto-alessandro-sanna

«Il quarto posto e la qualificazione ai playoff? Nessuno all’inizio di questo campionato si sarebbe  aspettato che tutto ciò potesse accadere, ma il bello dello sport è proprio questo. Ognuno di noi sapeva in cuor suo quel che avrebbe potuto dare e fare per la squadra, ma solo ora abbiamo capito che tutti quei pensieri, trasformati in energia, hanno portato a grandi risultati. E non è ancora finita. Il nostro segreto? Saremo ripetitivi, monotoni e tanto altro, ma la verità è una ed una sola: la nostra vera forza è il gruppo! Quando abbiamo capito che qualcosa di bello poteva accadere? Si è capito fin da subito. Già in preparazione si vedeva che ognuno di noi voleva dimostrare il proprio valore e, mettendo insieme le nostre volontà e qualità, non poteva non nascere qualcosa di straordinario. Lo dico e ne sono convinto, anche se è ancora tutto scrivere. Per me è una doppia soddisfazione, sono nato a Latte Dolce, questo è il mio 11° anno in questo club, non potevo chiedere di meglio. Vale lo stesso per la dirigenza, capace di partire dal basso e conquistare anno dopo anno un gradino alla volta, con serenità e umiltà. Questo approccio ha portato la società a tagliare grandissimi traguardi e soprattutto a togliersi grandi soddisfazioni che, ogni anno, si confermano essere sempre più  punti di partenza.. del resto noi non siamo abituati ad accontentarci. Il mio campionato? La stagione è stata molto positiva sotto l’aspetto della crescita: ho potuto sperimentare nuove posizioni in campo, come quando sono stato impiegato come punta centrale in occasione delle ultime partite. Naturalmente ho ancora tanto da imparare, e non ho nessuna intenzione di stopparmi. Il match di domenica scorsa? L’Ostiamare aveva necessità di punti per salvarsi, ha affrontato la partita con molta rabbia agonistica, lottando su ogni pallone. Nonostante la gara fosse iniziata bene per noi, rigore trasformato da Marco Cabeccia, successivamente solo per una nostra disattenzione gli avversari hanno acciuffato il pareggio. Domenica affrontiamo il Trastevere, che è anche nostro prossimo avversario ai playoff. Il risultato non cambierebbe né la posizione in classifica né l’obiettivo, ma ciò non vuol dire che andremo a Roma a fare una passeggiata. Come tutte le partite, ce la giocheremo a viso aperto. Sarà comunque un ottimo test in vista della dei playoff. Loro sono un’ottima squadra ma abbiamo già dimostrato, nella gara d’andata, che siamo in grado di portare a casa un risultato positivo».