GIOVANISSIMI ACADEMY CHE PASSIONE

46789739_2878179688874300_2818469148655353856_n

GIOVANISSIMI ACADEMY CHE PASSIONE: 

LINEA VERDE BIANCOCELESTE, 2004 e 2005 AL TOP

Scommettere sul vivaio paga sempre. Non solo in termini di risultati, ma anche e soprattutto in termini di crescita del gruppo, dei ragazzi, dei tecnici  della società. Questa la filosofia del Sassari calcio Latte Dolce che nei suoi Giovanissimi Academy 2004 e 2005 a due dei tanti fiori all’occhiello che riempiono d’orgoglio la società del presidente Roberto Fresu. L’Academi del Presidente Giancarlo Scarpa, dirigente responsabile Academy Latte Dolce Mario Dore, è frutto di un percorso partito ormai due anni fa, iniziato con 29 ragazzi e trasformatosi ora in due squadre composte complessivamente da circa 50 ragazzi: i 2005 allenati da mister Ulivieri (29 giocatori) e i 2004 allenato dal tandem Tavera-Usai, tecnici che però pescano proprio fra i 2004 per dare ancora più sostanza al progetto calcistico biancoceleste.

Pietro Tavera, tecnico dei Giovanissimi provinciali

“La squadra sta rispondendo molto bene, i ragazzi stanno rispondendo al meglio agli stimoli, per il momento siamo primi in classifica ma a prescindere dai numeri stiamo provando a impostare un lavoro che sia di aiuto e supporto alla crescita dei ragazzi. Tanti di loro sono nuovi, altri arrivano direttamente dall’esperienza fatta fra gli Esordienti. Stiamo anche cercando di spiegare loro che il calcio non è solo tecnica ma è anche avere carattere, motivazione  serietà: quando si prende un impegno preso si deve portare a termine. Abbiamo 19 ragazzi di base ma portiamo su, a turno, due o tre classe 2005: stiamo cercando di coinvolgerli tutti perché su di loro, il prossimo anno, dovremo puntare per dare forma alla categoria Giovanissimi regionali. Il progetto è condiviso con la società, l’abbiamo studiato e siamo certi che il bene delle squadre sia puntare a coinvolgere tutti: i 2005 che si allenano con i 2004 vedono l’opportunità come una sorta di premio e a volte danno anche di più rispetto a chi ha un anno in più. La prima squadra deve essere un obiettivo: devono avere voglia di arrivare, non devono fermarsi: molti di loro ci credono e ci sperano. Il mister della prima squadra, Strano Udassi ci segue, li vede e crede molto nei giovani..i nostri ragazzi lo hanno percepito e credo in tanti comincino a sperarci. Citarne alcuni per elogiarli tutti? Per impegno e in prospettiva citerei un 2005, Alessio Pilo, e un 2004, Davide Carta. Il domani? Guardo al presente, cercheremo di mettercela tutta per vincere il campionato e provare a portare l’Academy fra i regionali”.

Gavino Usai, tecnico dei Giovanissimi provinciali Academy Sassari Latte Dolce

“In campionato ancora non c’è una squadra che si è distinta dalle altre, siamo in quattro a contenderci la vetta e la situazione è incerta, non trova ancora un padrone. Il gruppo è costituito da bravi ragazzi, che hanno molta voglia di imparare. Hanno talento, e spetta a noi coltivarlo e metterlo in mostra: ci proviamo, con l’aiuto della società che crede in quel che facciamo e dei ragazzi stessi. Hanno tantissima energia e tantissima voglia di giocare e divertirsi, un piccolo sfogo lontano dai doveri della scuola e da quelli della famiglia: vengono qui, si allenano, stanno sereni e pensare in primis al loro divertimento, al piacere di giocare a calcio. Con loro utilizziamo sempre un approccio propositivo e molto easy, cerchiamo di risolvere i loro problemi e metterli a loro agio. A volte basta una battuta per metterli nelle condizioni di dare il meglio: non vogliamo stressarli mentalmente, la tranquillità è elemento fondamentale che fa il pari con la tecnica e la posizione in campo. Lavoriamo sui 2004 e curiamo il bacino dei 2005 dove andiamo a cercare elementi che possano darci una mano: stanno facendo anche loro molto bene, un prezioso serbatoio. In generale diamo una opportunità a tutti quanti. Il calcio biancoceleste guarda ai giovani e al talento: con mister Tavera seguiamo questa linea, il club ci appoggia con grande passione. Alcuni ragazzi sono molto interessanti, ma noi portiamo avanti tutto il gruppo: se c’è qualcuno indietro ci lavoriamo su per migliorare.Gratificante sapere che mister Udassi ci dà appoggio e supporto: è presente agli allenamenti, e stimola noi allenatori a fare meglio. Ci auguriamo di festeggiare, a fine stagione, la crescita dei ragazzi e…”.

FORZA RAGAZZI!