QUATTRO CHIACCHIERE CON MATTEO GADAU

matteo-gadau-foto-alessandro-sanna

Dopo il pari in Irpinia  si riprende a lavorare in casa biancoceleste

 QUATTRO CHIACCHIERE CON MATTEO GADAU 

«Bello essere parte di questa famiglia. Il Sassari Latte Dolce c’è, e risponde presente»

Sassari, 30 ottobre 2018

Il pareggio conquistato domenica scorsa sul difficile campo di Avellino – difficile perché trasformato dalla pioggia in una risaia e difficile perché blasone e contingenze mettevano davanti al club biancoceleste un “Lupo” ferito e affamato di punti – ha contribuito a cementare le consapevolezze della formazione di mister Stefano Udassi.  

In Campania il Sassari calcio Latte Dolce ha giocato a testa alta contro un avversario arrabbiato e di tutto rispetto. La squadra ha saputo reagire allo svantaggio tenendo botta e impattando grazie ad una rete di un Nicolò Antonelli sempre più pilastro del progetto calcistico sassarese. Il gruppo ha dimostrato di essere all’altezza, ha “rischiato” di vincere (non avrebbe demeritato) e ora dopo una giornata di riposo torna a lavorare per farsi trovare pronto al prossimo appuntamento.

Al giovane centrocampista Matteo Gadau, prodotto del  florido vivaio biancoceleste rientrato alla casa madre dopo la positiva esperienza vissuta allo Stintino, il compito di fare il punto della situazione in casa sassarese nel post Avellino con lo sguardo rivolto al prossimo test, contro il temibile Sff Atletico:

gadau-in-azione-foto-alessandro-sanna

«Ad Avellino ho provato sensazioni uniche e indimenticabili. Per un ragazzo giovane come me entrare in quello stadio e giocare titolare è un qualcosa di stupendo che ricorderò per sempre. L’atmosfera che si crea e il boato degli spalti ha dato a me e penso a tutta la squadra una scarica di adrenalina, avevamo voglia di far bene. La partita a mio parere è stata abbastanza equilibrata, ci sono stati momenti in cui abbiamo giocato bene la palla, costruito e creato ottime occasioni, sia nel primo che nel secondo tempo; naturalmente, c’è stato qualche passaggio in cui abbiamo, se si così può dire, sofferto: parlo degli ultimi minuti del primo tempo, ma penso sia normale giocando contro un ottima squadra come l’Avellino. Nonostante questo siamo stati bravi a contrastare le loro transizioni offensive, a rimanere compatti e chiuderci bene all’occorrenza. Avevamo preparato bene la gara, come d’altronde facciamo ogni settimana, e penso che a livello mentale, a livello di concentrazione e di carattere siamo stati ottimi. Quando ci siamo trovati in svantaggio non ci siamo demoralizzati e non abbiamo perso le speranze, siamo usciti fuori e abbiamo trovato il pareggio su una palla inattiva con Antonelli. Anche in questa partita abbiamo dato un grosso segnale di maturità e di crescita, come gruppo e squadra. In queste occasioni, soprattutto in giornate di pioggia, è importantissimo non peccare tecnicamente: alla fine chi delle due squadre sbaglia meno vince. Negli ultimi 20 minuti di gara abbiamo avuto due tre ghiotte occasioni per il sorpasso, ma la parità è risultato che comunque ci gratifica e regala consapevolezza. I compagni subentrati in corso d’opera si sono fatti trovare subito tutti pronti ed è per me e per tutti noi motivo di grande orgoglio e felicità sapere che ogni domenica in panchina ci sono altri nove giocatori pronti a dare il massimo per la maglia e per il gruppo. Per quanto riguarda il mio percorso in questo inizio di stagione non posso che ritenermi contento e orgoglioso di far parte di questo progetto. Sto trovando spazio, sono felice e cerco sempre di dare il meglio in settimana e la domenica. Ho tantissimo da imparare e da migliorare sotto tutti gli aspetti, non mi vergogno a dirlo, ma l’importante è comunque dare sempre il 110% e onorare la maglia che indosso. Sembrerà una frase fatta, ma la verità è che la nostra forza è il gruppo! Il rapporto con i compagni è molto forte, coeso, sentito e soprattutto sincero. Bello far parte di questa famiglia. Ora archiviamo come al solito la partita della domenica e cominciamo una nuova è dura settimana di lavoro in vista del match di domenica contro l’Atletico, squadra davvero insidiosa con giocatori importanti come Tornatore, Tortolano e l’ottimo D’Andrea, già a quota 8 gol in stagione. Noi, come nostro solito, prepareremo al meglio la partita e ci faremo trovare pronti. Sappiamo che ogni domenica è una battaglia e cercheremo di fare risultato. Il Sassari Latte Dolce c’è e risponde presente».