MARIO POMPILI NUOVO PREPARATORE DEI PORTIERI BIANCOCELESTE

mario-pompili-peparatore-dei-portieri

SASSARI CALCIO LATTE DOLCE 2018-2019

MARIO POMPILI NUOVO PREPARATORE DEI PORTIERI BIANCOCELESTE

«Qui mi sento come se fossi a casa: darò tutto me stesso alla causa» 

 

Sassari, 24 giugno 2018

 

Il Sassari calcio Latte Dolce si affiderà ad uno dei più esperti “maestri d’arte calcistica” sulla piazza, Mario Pompili, per forgiare ed esaltare le potenzialità dei suoi numeri uno, portieri chiamati a difendere la porta biancoceleste nel prossimo campionati di serie D, il terzo consecutivo per il club sassarese alla ribalta della quarta serie Nazionale.

Inconfondibile baffo nero, risata contagiosa, grande professionalità sul rettangolo da gioco, Mario Pompili è volto noto del pallone sassarese, protagonista sia fra i pali che a bordo campo da preparatore dei portieri con importanti esperienze alle spalle vissute alla Torres maschile, alla Torres femminile e al Latte Dolce – giusto per citarne alcune -, società quest’ultima in cui ha potuto imparare e affinare esperienza e tecniche da mettere al servizio dei giovani e/o già affermati numeri uno che ha allenato stagione dopo stagione.

Al Sassari calcio Latte Dolce ritrova tanti amici e Stefano Udassi, con cui aveva condiviso l’ultimo campionato di Eccellenza sulla panchina del sorprendente Stintino. Mario Pompili conosce l’ambiente ed è pronto a intraprendere una nuova avventura alla ribalta di un campionato importante e difficile come l’Interregionale, stavolta e ancora una volta con addosso la casacca biancoceleste:

«Il Latte Dolce? Ci ho giocato, ho conquistato due promozioni con quella maglia e ci ho giocato la mia ultima partita, lo spareggio contro la Gialeto per salire in Eccellenza: avevo 45 anni. Qui è come se fosse casa mia, ci ho vissuto e lci ho asciato un pezzo di me. Si tratta quindi di un piacevole e stimolante ritorno: una esperienza che mi piace fare assieme alle persone giuste, una delle quali è Stefano Udassi con cui ho lavorato a Stintino l’anno scorso, trovandomi benissimo. Mi fa piacere che lui e la società mi abbiano scelto per fare parte di questa nuova avventura. Ho cominciato ad allenatore i portieri nel 1990, nel Settore Giovanile della Torres, ma negli anni successivi ho ripreso a giocar perché la figura del preparatore dei portieri fra i dilettanti non era ancora percepita come portante. Al Latte Dolce ho giocato in Prima Categoria  con tanto di promozione con Tore Arca. Da lì in poi ho fatto scuola calcio, tante altre attività lungo un percorso che mi ha portato a migliorare nel ruolo di preparatore dei portieri. Quest’anno? Bisogna avere sempre obiettivi da raggiungere. Quando faccio qualcosa mi piace farla sempre nel migliore modo possibile, è vero che nel calcio 2+2 non fa mai quattro  ma chi fa questo sport sa di dover sempre lavorare per migliorarsi. E senza obiettivi da raggiungere, non si migliora. Per questo ho intenzione di dare tutto me stesso alla causa».