MASSIMILIANO PABA PRESENTA LA SFIDA ALL’APRILIA

mister-massimiliano-paba-in-panchina-foto-di-alessandro-sanna

Palla al mister

   MASSIMILIANO PABA PRESENTA LA SFIDA ALL’APRILIA

«L’Aprilia è la rivelazione del campionato, noi consapevoli di potercela giocare»

Sassari, 07 aprile 2018

Il Sassari calcio Latte Dolce si prepara ancora una volta a superare il Tirreno, destinazione Lazio, dove domenica prossima alle ore 15 affronterà l’Aprilia in un match valido per la quintultima giornata di ritorno del campionato di serie D, girone G. Cinque gare ancora da giocare per il team biancoceleste, per un totale di 15 punti in palio. Il primo esame è l’Aprilia (44), formazione che per la matematica può ancora coltivare sogni playoff pur se staccata di 8 punti dal Latina quinto della classe. I laziali hanno un vantaggio di 9 lunghezze sui sassaresi, attualmente appaiati al Flaminia a quota 35, + 2 sul Budoni e + 3 sul Monterosi che da sestultimo della classe occupa l’ultimo posto sul pericoloso treno playout. Insomma, guai a farsi prendere dal panico ma guai a dormire sonni tranquilli: la salvezza è possibile ma va aritmeticamente conquistata. E per farlo occorre vincere, senza guardare blasone, organico o classifica. Serve vincere per allargare il margine di vantaggio sulla zona rossa e chiudere senza patemi la stagione. Ancora assente Delizos per squalifica, la squadra ha dovuto fare i conti con qualche acciacco in settimana ma ha serrato le fila e stretto i denti pronta ad affrontare la sfida, Mister Massimiliano Paba fa il punto della situazione in casa biancoceleste e presenta il prossimo match in calendario, in trasferta contro l’Aprilia:

«L’Aprilia è una squadra molto molto giovane, età media molto bassa e formazione che secondo me è la rivelazione del campionato: una neopromossa che ha saputo fare un campionato importante giocando sempre ai margini della zona playoff, che oggi è un po’ staccata dalle prime cinque ma è comunque matematicamente ancora in corsa per un posto al sole delle prime posizioni. Le loro peculiarità? Il dinamismo e la grande qualità soprattutto nel reparto avanzato con la coppia Casimmirri-Bosi, tandem offensivo da 22 gol in due, uniti ad una buona solidità difensiva e ad una buona organizzazione di gioco. Mettono in campo grande aggressività, sono bravi nelle transizioni, portano molti giocatori anche sopra palla nello svilupparsi della loro azione offensiva, sono temibili. Sappiamo di dover andare lì a giocare una partita difficile contro un avversario difficile, ma non per questo ci intimoriamo o tiriamo indietro. Il nostro andamento in campionato dice che siamo capaci di giocare alla pari con team che sulla carta e per la classifica sono più forti di noi, ma abbiamo anche dei momenti di pausa e dei cali di concentrazione che spesso ci impediscono di dare continuità alle prestazioni e ai risultati. Domenica prossima dobbiamo ricercare proprio la continuità: l’ultima prestazione al cospetto della vice capolista Albalonga ci ha visto giocare alla pari se non forse anche meglio del nostro avversario. Ripeto, siamo consapevoli che affrontiamo una bella squadra, ma siamo consapevoli che dovremo giocare al meglio delle nostre possibilità per ottenere il miglior risultato possibile».