LA PAROLA AL VICE PRESIDENTE PIERLUIGI PINNA

whatsapp-image-2018-02-11-at-17-02-11

Momento positivo in casa biancoceleste: la parola d’ordine è continuità

   LA PAROLA AL VICE PRESIDENTE PIERLUIGI PINNA

«A Ostia ho visto un bel gruppo che vuole divertirsi. Che bel mix fra giovani e esperti»

Sassari, 15 febbraio 2018

Il Sassari calcio Latte Dolce martedì pomeriggio è tornato a lavorare sul campo agli ordini di mister Massimiliano Paba.  Quella di Ostia, contro l’insidia Ostiamare, è una vittoria che pesa. Troppo presto per parlare di svolta alla stagione, ancora troppo lunga per lasciare spazio a qualunque tipo di previsione. Vero è però che il successo nell’ultimo turno di campionato, rapportato alla reazione messa i campo in quello precedente al Vanni Sanna contro Cassino, rende ben chiara l’idea di una squadra viva, con potenzialità e qualità, in tutte le sue parti e componenti, sul terreno di gioco e in panchina. Passo dopo passo l’idea prende forma e conferma l’intento: un team a fortissime tinte sarde e sassaresi, prospetti da valorizzare e un calcio capace di divertire i sui interpreti e chi, in partenza, ha scommesso su di loro. Il vice presidente Pierluigi Pinna fa il punto della situazione a 360° sul momento e sul progetto biancoceleste:

«La vittoria di domenica è stata bella e meritata. Ero presente anche io ad Ostia e ho visto un bel gruppo, che vuole divertirsi e vuole proseguire nel migliore dei modi il suo percorso in campionato  dando continuità a livello di prestazioni, risultato e atteggiamento in campo. Questo è lo spirito che noi dirigenti volevamo ad inizio campionato: quello di una squadra che punta su giovani provenienti dalla Sardegna, che vuole divertirsi e far divertire. Ho visto una bella sinergia fra i giocatori più esperti e i tanti giovani della nostra rosa, bisogna continuare cosi e i risultati continueranno ad arrivare. Siamo ai primi posti nella speciale classifica dei giovani del nostro girone, e questo è un altro risultato importante perché il Settore Giovanile è la vera linfa della nostra società. È dai giovani che tutto l’ambiente deve prendere l’energia giusta per raggiungere traguardi importanti».