Simone Patacchiola, un gradito ritorno

Patacchiola 2016-2017 nello scatto di Alessandro Sanna

Mercato biancoceleste

  Simone Patacchiola, gradito ritorno al Sassari Latte Dolce 

«Che bello tornare. Obiettivo personale: restare anche l’anno prossimo»

Sassari, 15 dicembre 2017

Il Sassari calcio Latte Dolce piazza un nuovo colpo di mercato e regala ai colori biancocelesti un giocatore già visto in città che ben conosce l’ambiente, la società, il mister e alcuni dei compagni: Simone Patacchiola.  Possente difensore ex Chieti, 186 centimetri classe 1991, già la scorsa stagione – in corsa – era arrivato in Sardegna a dare una mano al club del presidente Roberto Fresu. Un gradito ritorno quello di Patacchiola, operazione di mercato chiusa dal direttore generale Adriano Fantoni che riporta al Sassari calcio Latte Dolce un elemento capace di dare fisicità ed esperienza alla causa. A Simone Patacchiola il bentornato della dirigenza, dello staff e del team. In bocca al lupo!

Un felice ritorno: cosa ti ha riportato a Sassari? «Si sono molto felice. Onestamente la mia scelta è dovuta al cuore: lì a Sassari mi sento a casa mia. Sono stati cinque mesi bellissimi, trascorsi con persone fantastiche. Appena mi è stato riproposto il biancoceleste come colore della maglia da indossare non ci ho pensato due volte, ed eccomi di nuovo qua».

Quale il ricordo più bello della tua esperienza biancoceleste? «Anche in questo caso nessun dubbio: il ricordo più bello risale a quando abbiamo centrato la salvezza matematica, un traguardo fondamentale, storico e importante per la società, per lo staff e per tutti noi giocatori».

Hai seguito la squadra in questo primo scorcio di stagione, che idea ti sei fatto? «Si certo, e posso dire che secondo me questa squadra è forte, ha preso giocatori importanti e credo che la classifica attuale sia un po’ bugiarda rispetto al valore del Sassari calcio Latte Dolce».

Un commento sul campionato che vi aspetta? «C’è poco da dire, ci aspetta un campionato molto duro come del resto lo sono stati tutti gli ultimi in questa categoria. C’è il Rieti che sta prendendo il volo e ci sono le altre che provano a inseguire. Restano però tante porte aperte e situazioni da definire, in basso, al centro e in alta classifica».

Cosa può dare Simone Patacchiola alla squadra? «Spero di dare ancora una volta una mano a questo progetto. E sono sicuro che loro, i ragazzi e lo staff tecnico, la daranno sin da subito a me».

Obiettivo personale? «Restare al Sassari calcio Latte Dolce anche la prossima stagione».