IL DG ADRIANO FANTONI PRESENTA LA SFIDA AL FLAMINIA

adrianofantoni

Palla al diggì

   ADRIANO FANTONI PRESENTA LA SFIDA AL FLAMINIA 

«Siamo reduci da una bellissima prestazione, ora vogliamo una vittoria»

Sassari, 27 ottobre 2017

Sassari calcio Latte Dolce: missione Flaminia calcio mode ON. Due punti nelle ultime due partite per il team biancoceleste, bottino solo all’apparenza magro e da pesare alla luce delle contingenze. Da Tortolì alla sfida interna al forte Latina, due gare per iniziare a dare una svolta ad una stagione complessa iniziata in salita ma talmente lunga da non lasciare spazio a drammi e preoccupazioni. Chiaro, serve invertire la tendenza, e se per il momento la squadra è riuscita a non perdere, se è riuscita a chiudere i novanta di gioco senza subire gol, il trend va interpretato in maniera positiva, e in crescita. Il tutto in attesa dei gol e di un successo che al Sassari calcio Latte Dolce manca ormai dalla seconda giornata: 3-2 casalingo contro il Monterosi. Contro il Latina, formazione d’alta classifica attrezzata e rodata, i biancocelesti hanno messo in campo voglia e grinta. Il calendario regala ora ai ragazzi di mister Paba una nuova chance da giocare sull’erba amica del Vanni Sanna: seconda gara casalinga consecutiva (domenica, fischio d’inizio ore 14,30) e secondo avversario laziale da affrontare nel giro di sette giorni. Il Flaminia è formazione insidiosa da affrontare senza alcuna paura con la massima concentrazione. Ha 7 punti in classifica, due in più del Sassari calcio Latte Dolce: l’opportunità da sfruttare perché vincere significherebbe mettere la freccia e sorpassare. Il direttore generale Adriano Fantoni presenta il match:

«Non dobbiamo farci prendere dall’ansia da prestazione ma è chiaro che tutti dallo staff tecnico alla squadra passando per la dirigenza, attendiamo di mandare a referto una vittoria, risultato che purtroppo manca da tanto tempo. Non dobbiamo dimenticare però che di partite facili a questi livelli e in questa categoria, soprattutto quest’anno, non ce ne e sono. Il Flaminia non naviga in acque tranquille, la settimana scorsa ha cambiato in panchina con Vito Filippo Di Pierro a sostituire Pierluigi Vigna ma ha perso in casa per 2-1 con Cassino nell’ultimo turno. Arriveranno a Sassari con il dente avvelenato e la necessità di fare punti, ma troveranno noi ad attenderli che, per contro, ne abbiamo ancora più bisogno. La squadra si prepara al meglio, il morale cresce perché è chiaro che la medicina migliore alla sconfitta sono i risultati. Contro il Latina abbiamo messo in campo una grandissima prestazione, dando vita ad una bellissima partita fra due squadre che hanno giocato alla pari e a viso aperto, che hanno creato tanto pur chiudendo al 90′ sullo 0-0. Domenica prossima sarà davvero molto importante, perché se dovesse arrivare la vittoria la nostra autostima aumenterebbe: basta un filotto di risultati positivi per cambiare completamente la prospettiva. Al di là delle prime due della classe il campionato è livellato, è salito di livello ed è equilibrato più dello scorso anno: tutte le squadre, anche quelle da parte destra della classifica, vogliono fare bene e confermare la categoria. La prima rischia con l’ultima, i testacoda sono all’ordine del giorno e non vedo squadre materasso. Domenica per noi potrebbe essere fondamentale: i ragazzi ci sono, il mister ha portato un po’ di serenità, è riuscito a compattare la squadra, ha cambiato modulo. In campo vanno i ragazzi: ma sono fiducioso, siamo tutti fiduciosi».