GIANMARCO MARCANGELI (’98) È BIANCOCELESTE

Da sx il vice presidente Gianni Sanna, Gianmarco Marcangeli e il direttore sportivo Andrea Colombino

Nuova firma in casa Sassari calcio Latte Dolce

GIANMARCO MARCANGELI (’98) È BIANCOCELESTE

«Spero di ricambiare la fiducia che la società ha riposto in me»

Sassari, 16 luglio 2017

Sassari calcio Latte Dolce sempre attivo sul mercato. Ultimo arrivo in casa biancoceleste è Gianmarco Marcangeli, nato a Ghilarza il 7 luglio del 1998, giovane esterno offensivo che arriva a titolo definitivo in via Cilea grazie al blitz compiuto nel weekend dal direttore generale Adriano Fantoni, supervisore del mercato societario e demiurgo assieme al diesse Andrea Colombino, in pieno accordo con mister Massimiliano Paba e la dirigenza del team, del progetto calcistico Sassari calcio Latte Dolce 2017-’18. Il ragazzo ha firmato il contratto alla presenza del vice presidente Gianni Sanna e del DS Colombino. Cresciuto nel Ghilarza, club con cui gioca sino a 15 anni, dall’estate 2014 entra a far parte del Settore Giovanile Torres, disputa il campionato Allievi Nazionali e, dalla stagione successiva è aggregato alla prima squadra con cui fa il suo esordio in Coppa Italia di Lega Pro. In seguito alla retrocessione disputa i due successivi campionati in serie D e oggi è a tutti gli effetti un giocatore bincoceleste. A Gianmarco Marcangeli va il saluto della società, dello staff e dell’intera tifoseria del Sassari calcio Latte Dolce. Buon lavoro!

Hai scelto Il Sassari Latte Dolce, cosa ti ha convinto? «Indubbiamente hanno influito sulla mia scelta la serietà della società e la qualità del progetto che sta portando avanti».

Cosa ti aspetti dall’esperienza biancoceleste? «Sono fiducioso e convinto di poter fare bene, cercando naturalmente di crescere, di migliorare come calciatore. Spero di poter ricambiare al meglio la fiducia che la società ha riposto su di me».

Quanto è importante per te giocare in una società che scommette sui giovani? «Il fatto che il Sassari calcio Latte Dolce ha sempre puntato sui giovani è aspetto che per me ha una fondamentale importanza e deve essere ulteriore fonte di stimolo per impegnarmi a fare il meglio possibile».

Conosci qualcuno dei tuoi nuovi compagni? «Ho avuto modo di conoscere e apprezzare diversi dei ragazzi che ritroverò in squadra con me quest’anno, in particolare Giacomo Demartis, con cui ho giocato un campionato: un punto di riferimento per me, giocatore dal quale ho tutto da imparare, lavorando sempre con umiltà e impegno».

Il prossimo campionato? «Come ogni anno sarà senz’altro un campionato impegnativo. La sfida è stimolante e lavorerò con entusiasmo mettendomi a disposizione della società in modo da dare il mio contributo e farmi trovare pronto all’occorrenza».