Mister Paba presenta la sfida al Trestina

14495338_10209573189661945_5530454923762227505_n

Domenica l’insidiosa trasferta in casa del Trestina

Mister Massimiliano Paba

«Partita difficile. Noi dobbiamo giocarcela»

Il Latte Dolce calcio, orfano di Andrea Usai causa squalifica di due giornae inferta in seguito alla discutibile espulsione rimediata nell’ultimo match disputato a Muravera, non molla la presa né abbassa la guardia. Il pareggio conquistato contro i canarini fa classifica, ma il calendario non ammette pause: c’è una salvezza da raggiungere, obiettivo da centrare provando a fare risultato anche sul difficile campo del Trestina di mister Zampagna (ore 15), team dalla classifica tranquilla ma dall’organico attrezzato per fare bene, e fare male. Dopo lo stop tornano a disposizione di mister Massimiliano Paba gli squalificati Ivan Delrio e capitan Giacomo Cocco, preziose pedine del reparto difensivo. Serve ancora uno sforzo per dare seguito a quanto di buono fatto e messo in cascina con San Teodoro e Muravera – c’è ancora da riscuotere il pacchetto da tre punti del match con il Foligno -, con la voglia la necessità di andare a punti già domenica prossima, un occhio rivolto alla terzultima piazza e lo sguardo proiettato ad un finale di stagione che vedrà i biancocelesti sfidare Rieti, Monterosi e L’Aquila, trittico di impegni ad alto tasso di difficoltà. Il Trestina dovrà rinunciare al centrocampista Matteo Morvidoni.

Il tecnico Latte Dolce Massimiliano Paba: «Il Trestina ha 39 punti ed e già salvo. Fra l’altro deve ancora affrontare, sia detto fra virgolette visto che la squadra si è ritirata, il Foligno ed ha quindi altri tre punti garantiti. Sfideremo una squadra ampiamente soddisfatta e tranquilla, che però nonostante tutto sta facendo molto molto bene. Nelle ultime settimane ha collezionato risultati importanti: dopo tre vittorie consecutive ha perso a Nuoro, risultato che ci poteva anche stare. Un team temibile, una difesa resa solida dalla coppia centrale che da garanzie, una mediana che ha in Ceccagnoli un importante punto di riferimento e il faro del gioco bianconero, con Ridolfi e Liurni coppia d’attacco da doppia cifra. Sono strutturati molto bene, sono forti, sarà una gara difficilissima. Loro non mollano mai e concedono pochissimo perché sono molto organizzati: pericolosi avanti, rocciosi dietro. Dovremo stare attenti, disputare una gara accorta. Abbiamo bisogno ancora di qualche punto e ogni gara è quella giusta per racimolare un risultato positivo. Andiamo a giocarcela, per migliorare la nostra classifica serve un ulteriore sforzo. Non sarà facile, siamo consapevoli delle difficoltà ma anche del fatto che vogliamo fare bene, che dobbiamo fare bene».