Domenica al Vani Sanna la stracittadina con la Torres IL PRESIDENTE ROBERTO FRESU

mereu-foto-alessandro-sanna

«I rossoblù sono avversario di blasone e da rispettare, ma ci sono 3 punti in palio e non possiamo certo lasciarli sul campo»

Il Latte Dolce calcio continua a lavorare sul campo per preparare al meglio la sfida di domenica, al Vanni Sanna, contro la Torres. Le due squadre sassaresi sono attualmente impegnate nella corsa alla conferma della categoria, hanno entrambe bisogno di vittorie e di punti preziosi utili a scalare la classifica, a caccia della salvezza diretta che passa oltre i playout. Comune l’obiettivo: confermare la categoria. La stracittadina di andata si era conclusa sul punteggio di 2-2, con i rossoblù ad acciuffare il pareggio in rimonta contro i biancocelesti di mister Massimiliano Paba. Domenica sarà tutta un’altra storia. La Torres ha cambiato volto (in campo) e rotta (dietro le scrivanie) dopo un periodo tormentato che ne ha messo a rischio la sopravvivenza. Il Latte Dolce attende l’esito del contro ricorso per i tre punti di Foligno, occupa il sestultimo posto nella classifica del girone G di serie D ed ha in corpo la rabbia per l’immeritato ko rimediato domenica scorsa, in casa, contro la capolista Arzachena.

Intanto l’attaccante Luca Scognamillo è stato convocato ancora una volta nella Rappresentativa Nazionale di serie D. Il giovane algherese è una delle tante scommesse giocate e incassate sul campo dalla società biancoceleste. A Luca gli auguri e l’in bocca al lupo della società, della squadra e della tifoseria sassarese: «É per me una grande gioia e una grande soddisfazione essere stato convocato per la seconda volta al raduno – dice Sognamillo -. Ci tengo veramente tanto a far bene e mi impegnerò al massimo perché sarebbe fantastico far parte della selezione finale che parteciperà ad un torneo così importante a livello giovanile come il torneo di Viareggio. Saranno comunque due giornate di crescita personale e rappresenteranno per me un’ulteriore esperienza positiva».

Il presidente biancoceleste Roberto Fresu: «Domenica incontriamo una Torres profondamente rinnovata rispetto al girone di andata. Una squadra che ha nuovi stimoli, e che ha sicuramente grande voglia di vincere. Domenica scorsa hanno vinto ed hanno mosso la loro classifica, ma anche noi abbiamo necessità di farlo: dobbiamo scendere in campo per dare il massimo, fare bene e provare a conquistare più punti possibile. Il tutto senza se e senza ma: pensiamo solo a noi stessi e pensiamo a vincere. Massimo rispetto per l’avversario, ma paura di nessuno: lo sport è questo. Tutti amiamo i colori rossoblu, ma domenica per noi conteranno solo i colori biancocelesti. L’obiettivo del Latte dolce è confermare la categoria, ma io mi augurio che si salvi anche la Torres: lo merita la città e lo merita a questo nuovo gruppo dirigente che si sta dando da fare per tentare questa difficile scalata. Domenica a differenza della partita di andata gli spalti saranno affollati e colorati di rossoblù. Ma i nostri ragazzi non devono farsi intimorire: il dodicesimo uomo darà una spinta in più alla Torres, noi però dovremo essere concentrati, scendere in campo determinati e convinti per fare la nostra gara e cercare di fare risultato. Davanti si troveranno un avversario di blasone, ma in campo si gioca sempre in undici contro undici. Come sempre adatteremo la nostra formazione alle esigenze legate ai fuori quota e alla disponibilità dei nostri atleti. Mi aspetto l’atteggiamento giusto dai ragazzi. Chiedo loro, ai più esperti e ai tanti giovani, di avere il cinismo che occorre per buttarla dentro quando capita l’occasione. È una partite da vincere, ci sono in palio tre punti importanti non possiamo lasciarli sul campo».