Il Latte Dolce si conferma vetrina di alto livello: Paolo Palmas verso la serie A svizzera

paolo-palmas-in-maglia-latte-dolce-foto-alessandro-sanna

Trattativa avanzatissima: l’attaccante ai dettagli con il Lugano

 

«Valorizzazione e promozione dei nostri giocatori: la società è orgogliosa di vedere uno dei suoi ragazzi vicino al taglio di un traguardo così importante»

Il Latte Dolce calcio e l’attaccante Polo Palmas (nato il 4 agosto del 1993) si avviano ad una separazione che sa allo stesso tempo di gioia per il possibile e futuro traguardo tagliato dal ragazzo, e di sportiva delusione per una squadra che perde comunque uno dei suoi più validi protagonist. Il giocatore di Castelsardo, in forza ala squadra sassarese dall’inizio dell’attuale stagione di serie D e attualmente capocannoniere del girone G con 10 reti all’attivo, è infatti vicinissimo alla firma di un contratto che, per il resto dell’anno, potrebbe legarlo al Lugano, club militante nella serie A svizzera.

La trattativa fra le parti, come conferma il direttore sportivo del Latte Dolce Adriano Fantoni che sta trattando con gli intermediari svizzeri gli ultimi dettagli della cessione, è avanzatissima. Palmas oggi ha raggiunto in volo Bergamo, da lì si aggregherà al Lugano e grazie al nulla osta rilasciato senza indugi dal club biancocelste, per una settimana parteciperà al ritiro del team elvetico pronto, una volta rientrato oltralpe, ad apporre l’auspicata firma su quello che  potrebbe indubbiamente essere un contratto pesante, non quello della vita – augura al ragazzo il Latte Dolce – nella speranza che possa essere solo il primo di una lunga serie alla ribalta del calcio che conta.

Il Latte Dolce, come altre volte in passato, si conferma importante vetrina calcistica a livello regionale, nazionale e internazionale. Un possibile trampolino di lancio per i calciatori sassaresi, dell’hinterland e isolani in generale, che sposata la causa biancoceleste hanno la possibilità di mettersi in mostra senza preclusioni a caccia del sogno di ogni ragazzo: il calcio che conta, il professionismo.

Palmas rappresenta per il Latte Dolce una importante e fondamentale risorsa, in termini di reti realizzate, di qualità tecniche e di qualità umane, che al primo anno in biancoceleste ne hanno già fatto una delle colonne dell’affiatato gruppo di mister Massimiliano Paba. La società del presidente Roberto Fresu si avvia a perdere un giocatore fondamentale per il suo presente a caccia della conferma della categoria, ma non si è voluta frapporre fra il suo giovane attaccante e l’occasione di una firma in un campionato importante come quello della serie A svizzera. Un sacrificio che però ripaga degli sforzi fatti, che manda all’incasso le scommesse  sui giovani locali, che conferma il club biancoceleste come fucina di talenti e conferma che la linea verde e il calcio a km zero non sono utopie, ma necessità che diventano valori aggiunti.

Paolo Palmas, nella speranza di poter presto festeggiare la firma ufficiale del contratto, l’abbraccio e l’augurio di dirigenti, staff, squadra e tifoseria biancoceleste. “Se puoi sognarlo, puoi farlo” (cit. Walt Disney)